Lavoro 24 ottobre 2016

«Cento euro lordi non bastano». Ecco tutte le richieste dei sindacati per fermare lo sciopero di novembre

Assunzioni e contratto, l’aumento del fondo Ssn a 113 miliardi non basta per l’Intersindacale: appena 100 euro lordi in più in busta paga dopo 8 anni di attesa e problema del precariato risolto solo a metà con la Manovra. Parte lo stato di agitazione

«Sapete quanto guadagneranno in più al mese i medici con il rinnovo contrattuale? 100 euro lordi. Ma il problema non è la cifra, piuttosto cosa ci si aspetta ancora da noi: ancora maggiore flessibilità, appropriatezza, reperibilità, turni, disponibilità non possono essere slegati dalla fatica e dal diritto alla salute dei cittadini». Il Segretario nazionale di Anaao, Costantino Troise, quantifica e considera «insufficiente» la quota destinata a finanziare il rinnovo dei contratti (atteso da ben otto anni…) sulla base della Legge di Bilancio 2017, attualmente in discussione.  Proclamando lo stato di agitazione, le organizzazioni dei sindacati e dei dirigenti sanitari che hanno dato vita dallo scorso anno all’Intersindacale (Anaao-Assomed, Cimo, Aaroi-Emac, Fp Cgil Medici e Dirigenti sanitari, Fvm, Fassid, Cisl Medici, Fesmed, Anpo-Ascoti-Fials Medici, Uil Fpl Medici) hanno anticipato, nel corso di una conferenza stampa, l’intenzione di scioperare a metà novembre, «in mancanza di risposte soddisfacenti».

Nello specifico, dai sindacati, arriva un giudizio tutto sommato positivo alla manovra riguardo il finanziamento del Ssn, salito a 113 miliardi perché per «la prima volta – fa notare Riccardo Cassi, il presidente di Cimo –  si mantiene l’impegno assunto nel Def, anche se la spesa pubblica italiana per la sanità è ancora al di sotto della media Ue e la più bassa tra i Paesi del G7 (l’Olanda stanzia il doppio mentre la Francia arriva a 194 miliardi, ndr). Se, però, non si stanziano le risorse necessarie per assunzioni e contratti e anche per premiare il merito non si va da nessuna parte e ci vedremo costretti a continuare la protesta, iniziata con lo stato di agitazione, anche proclamando un nuovo sciopero».

Riguardo in particolare contratto e assunzioni  (vedi slide – http://95.110.224.81/anaao/public/aaa_7453624_slide_cs_19ottobre2016_definitive.pdf), l’Intersindacale pone l’attenzione sul problema del precariato che non verrebbe risolto con i 2 miliardi di euro (per l’esattezza 1,9) messi in bilancio per il pubblico impiego: le stime dei sindacati per il comparto sanitario sono infatti di appena 400 milioni di euro, compresi i 153 milioni già dedicati alla stabilizzazione di 7mila precari (3mila medici e 4mila infermieri) a fronte degli oltre 13mila che attualmente tengono in piedi la sanità pubblica.

Secondo i sindacati per superare le criticità legate al blocco del turnover sarebbero, inoltre,  necessarie 12mila assunzioni: 6mila per sopperire ai pensionamenti del triennio 2012-2014 e altrettante per facilitare l’applicazione della direttiva Ue sugli orari di lavoro, visto che in numerose strutture, a distanza di oltre un anno dall’entrata in vigore della Legge 161, non si riescono a garantire le 11 ore di riposo tra un turno e l’altro e si sfora regolarmente il tetto delle 48 ore settimanali imposto da Bruxelles. Il calcolo delle nuove e necessarie assunzioni è stato fatto, peraltro, senza tener conto delle stime secondo cui tra il 2017 ed il 2020 il Ssn perderà altri 20mila medici sempre per via dei pensionamenti.

Le voci dei sindacalisti:

RICCARDO CASSI, Presidente nazionale Cimo: «Ministro Lorenzin di parola sui 113 miliardi, ma l’aumento non basta ancora per contratto, assunzioni e per premiare il merito»

COSTANTINO TROISE, Segretario nazionale Anaao: «Risorse insufficienti per il personale, pronti allo sciopero»

FABIO CRICELLI, Vicepresidente nazionale Aaroi-Emac: «Per anestesisti e rianimatori nei pronto soccorso carico di lavoro enorme. Servono prospettive certe per guardare al futuro».

ALDO GRASSELLI, Segretario nazionale Sivemp: «Ssn non può reggersi sui precari, è una sofferenza ingestibile. Le soluzioni per i veterinari? Risorse anche per investire nella prevenzione»

CORRADO BIBBOLINO, Presidente nazionale Fassid (AIPAC-AUPI-SIMET-SINAFO-SNR): «Mantenere la medicina dei servizi nelle strutture pubbliche non è un optional: subito inversione di tendenza»

Articoli correlati
Regione Lazio, D’Amato: «400mila euro per nuova camera calda ospedale Velletri»
La Regione Lazio ha approvato in Giunta una delibera per assegnare alla Asl Roma 6 un finanziamento di 400 mila euro per la realizzazione della Camera Calda dell’ospedale “Paolo Colombo” di Velletri. Si tratta del locale collegato con il Pronto Soccorso e la Medicina d’urgenza nel quale arrivano i mezzi di soccorso e in cui […]
RIA, indennità di esclusività, aumenti: intersindacale chiede incontro a Garavaglia per sbloccare rinnovo contratto
Tra le richieste che i sindacati avanzeranno al viceministro dell’Economia quello dell’aumento del 3,48% che per il 2018 non sarebbe garantito dal finanziamento del CCNL
L’ex Ministro della Salute Livia Turco: «Politica sanitaria non sia decisa dal MEF. Ora aggredire povertà e diseguaglianze»
L’esponente Pd consiglia poi a Giulia Grillo: «Si ricordi che non c’è sanità senza politiche sociali». E ringrazia i medici che hanno continuato ad assistere i migranti irregolari
L’Emilia-Romagna finanzia 100 contratti per gli specializzandi, il doppio rispetto allo scorso anno
Più medici specialisti in Emilia-Romagna, grazie alle risorse stanziate dalla Regione. Raddoppiano quest’anno i contratti di formazione per i medici specializzandi finanziati interamente da fondi regionali, che passano dai 52 del 2017 ai 100 del 2018: il numero più alto in Italia. Contratti che si aggiungono a quelli finanziati dal ministero, incrementati anch’essi: da 619 […]
Collegare un camice bianco alla corruzione è inaccettabile e ingiusto
di Carlo Palermo, Segretario Nazionale Anaao-Assomed
di Carlo Palermo, Segretario Nazionale Anaao-Assomed
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»

Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qua...
Lavoro

Tagli alle pensioni, a rischio i medici? Cavallero (Cosmed): «Penalizzato anche chi è a 3700 euro. Veri risultati si ottengono con lotta all’evasione»

Il segretario generale della Confederazione: «Dal taglio delle cosiddette “pensioni d’oro” si potranno distribuire meno di 4 euro al mese. Così si apriranno solo contenziosi per lo Stato. Chi ...
Formazione

Contratto, parla Carlo Palermo (Anaao): «Per firmare va sbloccata Retribuzione Individuale di Anzianità. Ecco come fare…»

Dai nodi da scogliere per arrivare a sbloccare il contratto alle soluzioni per rispondere alla carenza di specialisti, passando per le “autodimissioni” dei medici ospedalieri fino al taglio delle ...