Salute 26 gennaio 2017

Paura dei vaccini? La ricerca: è colpa del web. «Ecco come le bufale partono dai social e Google le amplifica»

Lucio Corsaro, Direttore Generale MediPragma: «Internet influenza l’opinione pubblica, ecco perché a differenza del passato, oggi i vaccini vengono percepiti con diffidenza». Dal “Bambin Gesù” arriva la guida contro i falsi miti delle vaccinazioni

Da dove nasce la paura dei vaccini? Considerando che in passato le coperture vaccinali hanno salvato migliaia di persone e hanno contribuito a debellare patologie gravissime, ci si chiede il motivo di questo scetticismo da parte di un’ampia fetta dell’opinione pubblica. «La colpa è delle bufale on line» spiega Lucio Corsaro, Direttore Generale MediPragma, tra le principali realtà italiane specializzate nelle ricerche di mercato in campo farmaceutico.

«L’influenza di internet, per quanto riguarda i vaccini, è elevatissima. Mi riferisco non solo ai siti ma anche e soprattutto ai social network».

A questo riguardo MediPragma ha stimato un impatto intorno al 15-20% dei social sull’opinione comune in termini di cambiamento dei comportamenti rispetto al passato. « Un dato importante – prosegue Corsaro -. C’è anche da dire un’altra cosa. Rispetto ad altri tipi di situazioni monitorate, di notizie meno rilevanti o di bufale, la dinamica di come si distribuisce o come si evolve la problematica dei vaccini su internet è molto peculiare e diversa da altre situazioni. L’informazione parte dai social network ma viene rimbalzata e amplificata da Google. E quindi dai motori di ricerca. Di contro in altri tipi di patologie, di situazioni e messaggi, l’informazione parte dalle news dei blog e poi viene ripresa dai social network. In questo caso invece è il contrario. E sappiamo quanto oggi sia di spicco la posizione dei social».

A questo proposito, molto interessante l’iniziativa dell’Istituto per la Salute dell’Ospedale Pediatrico “Bambino Gesù” di Roma che ha messo a disposizione online il magazine digitale “A Scuola di Salute”. Una guida che spiega in maniera semplice e chiara tutto quello che c’è da sapere sui vaccini e su come tenersi lontano dalle bufale che circolano on line. Infatti lo speciale è stato pensato per smentire una serie di false credenze che alimentano paure infondate. Tra queste, il timore che i vaccini vengano somministrati troppo presto e che siano correlati all’insorgere dell’autismo; in particolare quelli contro morbillo, parotite e rosolia.

Articoli correlati
Vaccini, a Perugia convegno SIMEDET e CISL Umbria contro la disinformazione: «Rispondere con evidenze scientifiche a chi parla senza conoscere»
Tra i relatori i professori Gaetano Maria Fara e Susanna Esposito. Il titolo dell’incontro è “La vaccinazione oggi: tra realtà e falsi miti”
Dal “Siero Bonifacio” alla cura Di Bella, Roberto Burioni racconta 10 “Balle mortali”
«Il libro parla delle bugie in medicina e delle conseguenze gravissime che queste possono avere sulla salute e anche sulla vita delle persone» così il virologo del San Raffaele
Morbillo, nel 2017 110mila morti nel mondo. L’OMS: «Senza aumento coperture vaccinali perderemo decenni di progressi»
L’aumento dei casi preoccupa le agenzie sanitarie: «Non sono dati sorprendenti, ma il frutto della combinazione della diffusione di notizie false sui vaccini in Europa, del collasso della sanità in Venezuela e di sacche di povertà e bassa immunizzazione in Africa. Sono necessarie misure urgenti»
Vaccini, il commissario europeo Andriukaitis: «Inutile discutere su obbligatorietà o volontarietà, contano coperture»
«Il nostro dovere è liberarci dal morbillo entro il 2020. Che cosa stiamo facendo, tutti insieme, Parlamenti e governi di tutti gli Stati membri per raggiungere quell'obiettivo?» così il commissario europeo alla Salute in conferenza stampa a Bruxelles VEDI L'INTERVISTA DI SANITA' INFORMAZIONE
Morbillo, Simit: «Nel 2018 cento casi in operatori sanitari. Italia fanalino di coda in Europa per lotta a malattia»
La denuncia della Società italiana malattie infettive e tropicali: «Ad oggi, e vista la situazione, l'obbligo vaccinale rigorosamente applicato resta l'unica via percorribile per un periodo che non è possibile prevedere di breve durata. Bisogna rilanciare la vaccinazione anche in ampi strati di giovani adulti rimasti fuori dagli interventi di prevenzione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...
Formazione

Formazione ECM, c’è tempo fino al 2019 per mettersi in regola. La proposta di Lenzi (Area medica): «Rafforzare obbligo crediti in alcune discipline»

Delibera Agenas stabilisce che per il triennio 2014/2016 si potranno utilizzare i crediti maturati nel periodo 2017/2019. Il presidente del Comitato di Biosicurezza e Biotecnologie e membro della Comm...